Categorie
Design

Una lettera

Ogni due settimane scrivo una lettera alle persone iscritte alla mia newsletter Design, Digested. Oggi voglio condividere la più recente. Non avevo nuovi articoli o progetti da condividere, e non sapevo cosa avrei scritto. Eppure, ho finito per scrivere molto.

Puoi iscriverti alla newsletter alla fine di questo articolo, oppure sulla pagina della newsletter, dove trovi anche l’archivio delle lettere precendenti.

This article is also available in 🇬🇧 English: change language in the menu


Potrà sembrarti bizzarro, ma ti sto scrivendo senza avere grandi novità o nuovi blog post da condividere.

Quindi mi sono sentita in imbarazzo, inizialmente, nel pensare a cosa avrei scritto in questa email. Non ci sono cambiamenti significativi, eppure quello che leggo, guardo e di cui mi interesso ogni giorno mi aiuta a crescere. O semplicemente mi diverte.

Cosa sto leggendo

Just Enough Research di Erika Hall (seconda edizione)

Guida fondamentale per chiunque voglia disegnare la cosa giusta per i propri clienti. Utile e spiritoso.

Dove Mi Trovo di Jhumpa Lahiri

Con certezza quasi assoluta, Jhumpa Lahiri è la mia autrice preferita. E ora scrive anche in italiano. Sto divorando questo breve libro in cui i suoi classici temi di radicamento ed estraneità, malinconia e solitudine raggiungono il culmine.

Cosa sto guardando

Silicon Valley

Una serie che mi era stata consigliata anni fa e che ho guardato solo ora. Sei brevi serie che seguono le avventure di un gruppo di developer che provano a lanciare la loro start-up. Tanti momenti da risate con lacrime agli occhi, altri molto irritanti. In un attimo si arriva all’ultima puntata con nostalgia e un po’ di tristezza.

For All Mankind

Cosa sarebbe successo se i sovietici fossero stati i primi ad atterrare sulla luna? Questa serie è una distopia fatta molto bene e che all’inizio consideravo leggera. Eppure affronta temi attuali in modo intelligente. Due stagioni, una terza in arrivo.

Sound of Metal

La vita di Ruben, batterista metal, viene stravolta quando perde l’udito all’improvviso. Non ho ancora trovato le parole per descrivere questo film, e forse non servono. Gli Oscar vinti e le nomination sono del tutto meritati.

Cosa mi ha stupito

Il sistema imprenditoriale è malato

Nella versione tedesca del reality Dragons Den, un paio di uomini hanno ricevuto dei soldi per sviluppare la propria idea: un modo per aiutare le persone con le mestruazioni. Di cosa sto parlando? Di un paio di guanti, ovviamente rosa, che dovrebbero rendere meno schifoso l’atto di rimuovere il tampone. No, non ne avevamo bisogno, grazie. Avrebbero dovuto leggere il libro di Erika Hall.

Carta e penna

Da persona a cui piace quasi tutto digitale e tecnologico, sono rimasta abbastanza stupita nel leggere di uno studio che invece suggerisce carta e penna per le cose che vogliamo imparare o memorizzare. Prendo nota.

Indigestione digitale

Simone Bossi, fotografo italiano, spiega perché le immagini digitali sono ingannevoli Il suo approccio alla fotografia è affascinante: nonostante ora si possa fotografare un angolo migliaia di volte, lui si limita a una. Le sue foto della Surrey Docks Farm, fattoria londinese in fondo alla via in cui abitavamo, sono veramente speciali.

Hai trovato qualcosa di interessante? Fammi sapere nei commenti oppure via email.

L’immagine è una composizione con una foto di Flavio Amiel su Unsplash

Iscriviti alla newsletter

Design, Digested è una newsletter di design, tech e le loro implicazioni nelle nostre vite. E ogni tanto di fotografia.

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

Supporta questo sito

Se hai trovato qualcosa di utile, supportami su Ko-fi. Lo apprezzo, grazie!

Di Silvia Maggi

I'm a UX Designer based in Italy. I strive to create meaningful, user-centric experiences. On my blog, I write about about design, tech, their implications in our lives and the occasional photography work.

Leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.